Domenica sera la 31ª giornata di Serie A vedrà il suo culmine (ma non la fine, essendoci due posticipi al lunedì) con il derby d’Italia tra Juventus e Inter. All’Allianz Stadium va in scena un match che mette in palio tre punti pesantissimi in chiave scudetto e qualificazione alla prossima Champions League, al di là della storica rivalità tra le due tifoserie. In caso di successo, la Juve opererebbe il sorpasso sull’Inter che ha comunque da recuperare ancora la sfida col Bologna al Dall’Ara. I nerazzurri, dal canto loro, devono vincere per non perdere il treno scudetto, visto che attualmente il Milan capolista dista 6 lunghezze.

Juventus-Inter: statistiche e curiosità del derby d’Italia

La Juve arriva all’appuntamento con un ruolino sicuramente migliore rispetto a quello dell’Inter. Negli ultimi 5 turni, infatti, la Vecchia Signora ha messo insieme 13 punti sui 15 a disposizione, contro i 6 dei nerazzurri, che hanno ottenuto una sola vittoria nello stesso parziale. In questa stagione le due squadre si sono già incontrate due volte: all’andata in Serie A il match si è concluso con il punteggio di 1-1 a San Siro, ma i nerazzurri hanno vinto ai supplementari la Supercoppa Italiana nel gennaio scorso, grazie a un gol di Sanchez all’ultimo minuto dei supplementari. L’ultima e unica vittoria dell’Inter all’Allianz Stadium di Torino risale al 2012: 1-3 in favore della squadra allenata allora da Stramaccioni conto gli uomini di Antonio Conte. Si è trattato anche dell’unico successo dell’Inter negli ultimi 15 match disputati contro la Juve in tutte le competizioni: nello stesso parziale 10 successi bianconeri e 4 pareggi.

Dopo il pari dell’andata, secondo le statistiche Opta diffuse dalla Lega Calcio di Serie A, l’Inter potrebbe rimanere imbattuta contro la Juventus in entrambe le gare stagionali per la prima volta dopo il campionato 2008-09. In questo campionato di Serie A, inoltre, la Vecchia Signora è la squadra con la striscia positiva aperta più lunga: 16 partite, di cui 11 vittorie e 5 pareggi. Dal 30 novembre a oggi solo due squadre nei 5 campionati top d’Europa non hanno perso nemmeno una volta: la Juve, appunto, e il Siviglia, anche se ha disputato una gara in meno (15).

L’Inter ha pareggiato le ultime 4 trasferte di campionato – due volte 0-0 e due volte 1-1 – ma 5 pareggi consecutivi fuori casa non si registrano dal 2004, quando in panchina c’era Roberto Mancini. In questo campionato, la Juve ha il record di clean sheet assieme al Napoli (13), mentre solo il Torino subisce, in media, meno tiri nello specchio della porta a partita rispetto alla Vecchia Signora (3 contro 3.1). In questa graduatoria l’Inter è sesta con una media di 3.6.

L’Inter dovrà fare attenzione a Juan Cuadrado: i nerazzurri sono infatti una delle vittime preferite del colombiano, che li ha perforati 5 volte, e in tutti i casi in gare casalinghe. Nell’ultima occasione, addirittura, Cuadrado ha messo a segno una doppietta nel 3-2 del 15 maggio 2021. Anche a Dusan Vlahovic l’Inter porta bene: proprio contro i nerazzurri il 15 dicembre 2019 ha messo a segno la sua prima rete in una gara casalinga di Serie A, quando vestiva la maglia della Fiorentina. Dalla parte dell’Inter, invece, c’è Ivan Perisic che potrebbe diventare il terzo croato nell’era dei tre punti a vittoria a raggiungere quota 200 partite in Serie A dopo Marcelo Brozovic (224 presenze) e Milan Badelj (210): in 10 precedenti contro la Juventus in campionato, l’esterno ha vinto una sola sfida (4 pareggi e 5 sconfitte).

Come vedere la partita in diretta TV e streaming

Il derby d’Italia tra Juventus e Inter sarà trasmesso in diretta TV e streaming domenica 3 aprile alle 20:45 su DAZN. La telecronaca dell’incontro sarà affidata a Pierluigi Pardo con il commento tecnico di Massimo Ambrosini.

Le probabili formazioni di Juventus-Inter

Negli ultimi giorni solo buone notizie per Massimiliano Allegri, che ha recuperato a ruota Vlahovic, Zakaria e Alex Sandro. Disponibile anche Bonucci, ma il numero 19 è indietro di condizione, ragion per cui al centro della difesa dovrebbe toccare alla coppia de Ligt-Chiellini. A centrocampo, con Locatelli dovrebbero esserci Cuadrado, il rientrante Zakaria e Rabiot per una sorta di 4-4-2 che all’occorrenza diventa 4-3-3 grazie all’impiego di Vlahovic e uno tra Morata e Dybala davanti.

Simone Inzaghi recupera Brozovic, ma non potrà contare sicuramente su de Vrij. In difesa, dunque, Skriniar dovrebbe agire da centrale con Bastoni e D’Ambrosio ai lati. Dumfries e Perisic saranno i padroni delle fasce nerazzurre, mentre davanti nessun dubbio, al momento, sulla coppia Lautaro-Dzeko.

JUVENTUS (4-4-2): Szczesny; Danilo, De Ligt, Chiellini, De Sciglio; Cuadrado, Zakaria, Locatelli, Rabiot; Vlahovic, Morata. All. Allegri

INTER (3-5-2): Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, Bastoni; Dumfries, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Perisic; Lautaro, Dzeko. All. S. Inzaghi