All’insolito orario delle 21:45 andrà in scena domani sera il recupero di Inter-Sampdoria. Dopo questo impegno anche nerazzurri e blucerchiati avranno pagato il loro “debito” e saranno alla pari con tutte le altre squadre che hanno già disputato 26 partite. Il match di San Siro è infatti l’ultimo recupero dopo Torino-Parma e Verona-Cagliari di oggi e Atalanta-Sassuolo di domani, tutte partite valevoli per la 25ª giornata della Serie A 2019-2020. Da lunedì si partirà poi con la 27ª giornata, che sarà spalmata in tre giorni e così via con impegni ravvicinati fino all’inizio di agosto, quando il campionato vedrà la sua fine.

Dopo la Coppa Italia, che ha vissuto il suo epilogo con la vittoria del Napoli ai rigori contro la Juventus, in uno Stadio Olimpico di Roma dagli spalti completamente vuoti, anche la Serie A torna a pieno regime e pure in questo caso rigorosamente senza pubblico. Tuttavia l’Inter ha escogitato un modo per rendere partecipi i suoi tifosi durante il match: a bordo campo ci sarà una lunga fila di led che proietteranno delle immagini sugli spalti. Queste saranno le foto che i tifosi manderanno usando un apposito hashtag che l’Inter comunicherà prima del match. I tifosi, dunque, potranno condividere selfie e altre foto sui social con l’hashtag scelto dalla società, attendendo poi che la propria foto venga proiettata sugli spalti di San Siro.

I nerazzurri questa mattina si sono svegliati con una brutta notizia, quella della morte di Mario Corso, giocatore leggendario dei tempi della Grande Inter, che ha vestito la maglia della Beneamata in più di 400 occasioni tra il 1957 e il 1973. La squadra dunque presumibilmente domani indosserà il lutto al braccio per ricordare il campione scomparso oggi all’età di 79 anni. Mentre l’Inter è già scesa in campo, dopo il lungo stop, disputando sabato scorso il match di ritorno della semifinale di coppa Italia contro il Napoli, finito 1-1, per la Sampdoria, quella di domani, sarà invece la prima gara dopo lo stop forzato di oltre tre mesi.

Inter-Samp, recupero del 21 giugno: ultimo treno scudetto per i nerazzurri?

Anche se dopo il match di oggi mancheranno ancora dodici giornate, per l’Inter la partita contro la Samp potrebbe già valere come dentro o fuori per la lotta scudetto. I nerazzurri sono al momento terzi, ma hanno ben nove punti in meno rispetto alla prima, che è la Juventus a quota 63, otto in meno della seconda, che è la Lazio e otto punti di vantaggio sulla quarta, l’Atalanta. La Samp, invece, deve tentare il tutto per tutto per restare a galla e non retrocedere. Al momento è infatti quintultima con 26 punti, seguita da Genoa e Lecce con 25, poi dalla Spal con 18 e il Brescia con 16.

Una sconfitta dell’Inter (ma praticamente anche un pareggio) lascerebbe di fatto campo libero a Juventus e Lazio, con i nerazzurri che a quel punto potrebbero definitivamente dire addio alla corsa scudetto. Ma attenzione perché anche la Samp è assetata di vittorie in quanto troppo vicina alla zona retrocessione e ha bisogno di punti per allontanarsi definitivamente dal pericolo. I presupposti per un bel match al Meazza, dunque, ci sono proprio tutti.

Tra Inter e Sampdoria ci sono 125 precedenti in campionato con 68 vittorie per i nerazzurri e 20 per i blucerchiati, mentre i pareggi sono stati 37. In Serie A la squadra milanese ha vinto tutti e cinque gli ultimi scontri diretti con la Samp. In passato il risultato che è maturato più spesso tra queste due squadre è stato lo 0-0: per ben 16 volte, infatti, tra questi due club è finita a reti inviolate. L’ultima vittoria della Samp a San Siro contro l’Inter risale ad aprile del 2017 e quello è stato anche l’unico successo dei blucerchiati al Meazza negli ultimi 17 incontri con l’Inter, che invece ha vinto undici volte, mentre i pareggi sono stati cinque. Tra i due allenatori, Antonio Conte e Claudio Ranieri, in Serie A ci sono tre precedenti e il coach dei nerazzurri ha vinto due volte, mentre quello dei blucerchiati solo una. Nel match di andata, giocato il 28 settembre 2019 allo stadio Marassi, è finita 3-1 per l’Inter (reti di Sensi, Sanchez e Gagliardini per l’Inter, Jankto per la Samp).

Inter-Samp, le parole di Conte: “Giocheremo il finale di stagione senza limiti”

Nell’intervista della vigilia, rilasciata a Inter Tv, Antonio Conte è sembrato piuttosto ottimista e certamente molto entusiasta di poter tornare di nuovo a parlare di campionato e ha dichiarato: “Abbiamo molta voglia di ricominciare: allenarsi e basta non è il massimo, abbiamo bisogno di gare ufficiali. Noi abbiamo lavorato tanto per farci trovare pronti, ci aspetta un rush finale davvero impegnativo. Abbiamo sfruttato questo periodo per lavorare dal punto di vista fisico e tattico. Abbiamo cercato di lavorare per cercare di migliorare di più, studiando anche diverse soluzioni. Prendiamo Eriksen: ora si è totalmente ambientato. Sono contento di come abbiamo lavorato, abbiamo affinato conoscenze già apprese durante i mesi precedenti. Il nostro obiettivo è sempre quello di esaltare le caratteristiche di tutti i calciatori in rosa”.

Sulla Sampdoria Conte ha dichiarato: “Affrontiamo Ranieri che, oltre ad essere un ottimo allenatore, è anche un mio amico, che frequento spesso. Gli auguro il meglio… da dopo la nostra partita! Vincere domenica significherebbe andare a sei punti dalla prima con 12 partite da giocare: non è un distacco abissale. Abbiamo lavorato bene, in maniera intensa: ho percezioni positive”. Poi ha fatto capire che il suo ottimismo riguarda tutto il finale di stagione e non solo questo match: “Ci vogliamo giocare il finale del campionato al massimo, senza preclusione e senza limiti. I margini di errori nostri sono minori di quelli delle squadre davanti a noi. Ma abbiamo voglia, entusiasmo e passione. La squadra è cresciuta ancora, sotto tutti i punti di vista”.

Un po’ più preoccupato per la situazione generale che si è venuta a creare è invece il coach della Sampdoria, Claudio Ranieri, che ha dichiarato: “Il campionato è falsato, per noi e per tutti. La situazione è molto diversa rispetto alla pausa estiva, anche se la preparazione è stata simile. Ma quello che hanno passato i calciatori in questi mesi è diverso rispetto alle vacanze e al ritiro. So come abbiamo lavorato, ma sono come San Tommaso: voglio toccare con mano”.

Le probabili formazioni di Inter-Sampdoria

Per quanto riguarda le ultime notizie sulle formazioni di Inter e Sampdoria, al momento sembra che Antonio Conte sia intenzionato a insistere sul modulo 3-4-1-2 con Eriksen dietro le due punte Lukaku e Lautaro, mentre Sanchez anche questa volta partirà dalla panchina. L’unica variazione rispetto alla gara di Napoli dovrebbe essere Gagliardini al posto di Brozovic, dato che il centrocampista croato si è fermato ieri a causa di un problema muscolare che dovrebbe tenerlo lontano dai campi per una decina di giorni. Ranieri, invece, dovrà fare a meno di Quagliarella in attacco, mentre in difesa opterà per un cambio tattico con una difesa a tre con Yoshida, Tonelli e Colley, per adattarsi al modulo degli avversari. Vediamo qui di seguito le probabili formazioni.

Inter (3-4-1-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Candreva, Barella, Gagliardini, Young; Eriksen; Lukaku, Lautaro.
Allenatore: Conte.

Sampdoria (3-5-2): Audero; Yoshida, Tonelli, Colley; Depaoli, Ekdal, Linetty, Jankto, Murru; Ramirez, Gabbiadini.
Allenatore: Ranieri.